Un blog per la certezza della pena, per una pena proporzionale al crimine, ivi inclusa, per gli eventi più feroci, la pena di morte, pena legittimamente comminata da uno Stato civile, a difesa dei cittadini onesti. Perchè lo Stato deve stare dalla parte di Abele.

 
Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

28 febbraio 2010

Un’altra vittima della “micro” criminalità

Mentre i magistrati si litigano la titolarità delle succose inchieste per corruzione e dispongono intercettazioni a tappeto (ho letto che nel 2007 negli Stati Uniti – 300 milioni di abitanti – sono state sottoposte a intercettazione solo 1700 persone, mentre in Italia – 60 milioni di abitanti – ben 120.000 !!!) la cosiddetta “micro” criminalità spadroneggia.
Scippi, furti, rapine durante le quali, a volte, la vittima viene anche uccisa, come è accaduto una settimana fa a Varese.
Non si conosce l’identità del o dei criminali, ma possiamo ragionevolmente immaginare che per la sua/loro identificazione e cattura non verranno dispiegati tutti quei mezzi che solitamente vengono usati per scoprire una flatulenza del Premier e costruirci sopra qualche teorema da rendere pubblico alla vigilia di una elezione.
Quando sostengo che i pubblici ministeri dovrebbero essere eletti dal Popolo è proprio perché, per quanto siano odiosi i reati (quando esistono veramente) di corruzione, ciò che disturba maggiormente i cittadini è la mancanza di sicurezza nella nostra vita quotidiana.
Non siamo sicuri in casa, per la strada e neppure nel luogo di lavoro.
Se invece di usare mezzi e uomini per raggiungere un risultato dubbio che ha tanto il sapore della politica e non della giustizia, si usasse altrettanta determinazione e impegno contro questi “piccoli” criminali e contro i clandestini, ci sarebbe più giustizia in Italia e con essa anche più sicurezza.
Fino a quando dovremo aspettare perché al centro dell’interesse delle indagini sia la sicurezza dei cittadini e non la politica ?
Oppure dobbiamo rassegnarci a difenderci da soli con il rischio, poi, di essere incriminati per “eccessi” nella nostra stessa difesa ?


Entra ne