Un blog per la certezza della pena, per una pena proporzionale al crimine, ivi inclusa, per gli eventi più feroci, la pena di morte, pena legittimamente comminata da uno Stato civile, a difesa dei cittadini onesti. Perchè lo Stato deve stare dalla parte di Abele.

 
Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

21 giugno 2007

Adesso vogliono abolire anche l’ergastolo !

La sinistra, nella sua foga distruttrice di tutto ciò che è stato realizzato dal Governo Berlusconi, ha preso ripetutamente di mira la sicurezza dei cittadini.
Così, dopo aver ammesso in Italia ulteriori 350.000 illegali oltre ai (già troppi) 170.000 dell’ultimo decreto flussi del Governo Berlusconi, dopo aver per il tramite del suo ministro temporaneo della giustizia (?) Mastella (e con la complicità, purtroppo, anche di settori del Centro Destra) approvato un indulto che grida vendetta da parte di tutte le vittime dei criminali liberati, adesso propone un ribaltone della riforma del diritto penale.
Con due mosse la sinistra riuscirebbe a rendere ancor più precaria la sicurezza dei cittadini.
Abolendo l’ergastolo e riducendo lo spazio per la legittima difesa alla sola difesa personale e non della proprietà.
L’ergastolo fu già oggetto di aggressione da parte dei soliti radicali negli anni settanta/ottanta e il referendum del 17 maggio 1981 si concluse come la gran parte di essi: una bastonata solenne a chi ne proponeva l’abolizione.
Votanti: 79,4% (allora i quorum si raggiungevano, eccome !)
Favorevoli all’abolizione dell’ergastolo: 22,6 %
Contrari: 77,4 %.
Apro una parentesi:nel provvedimento di legge ci sarà una “norma finale e transitoria” che dirà che l’ergastolo è abolito per tutti tranne che per il Colonnello Eric Priebke ?
Non credo vi siano motivi per credere che gli italiani vogliano, oggi, che i vari Chiatti, coniugi Romano, Izzo, Maso (ma aggiungerei tutto il lungo elenco di brigatisti rossi e mandanti di omicidi politici anche se ora sono fuori di galera) possano tornare in libertà (ci tornano/torneranno ugualmente, ma questa è una stortura del sistema italiano di “giustizia”).
Personalmente, poi, credo che indipendentemente dalle ridicole campagne (a spese di chi ?) sulla moratoria contro la pena di morte, avendo modo di illustrare con pari potenza mediatica i perchè del “sì” alla pena di morte, ricordando tutti i vari omicidi efferati commessi da persone apparentemente normali (e senza bisogno di arrivare agli omicidi politici) , i “moratoristi” avrebbero una sgradita sorpresa.
Ma torniamo a bomba, all’ergastolo che la sinistra si propone di abolire, tanto per dare una certezza in più ai criminali: male che vada tempo qualche anno si è fuori, liberi come fringuelli.
Ma vi pare che sia il modo per tutelare la sicurezza dei cittadini ?
E vi pare che ridurre al solo caso di pericolo imminente per la propria vita la legittima difesa, dopo che solo due anni fa si ottenne un allargamento anche alla difesa della proprietà e di altre vite, possa rappresentare l’esigenza di sicurezza di una popolazione che vede, sempre più, garantiti i criminali e perseguitati quelli che si difendono ?
Ma che razza di società verrebbe fuori se la sinistra avesse campo libero per approvare tutte le devianti leggi che vengono partorite da menti sadiche, fatte apposta per creare disagio e insicureza ?
L’ergastolo – e che sia scontato per intero – è il minimo, se proprio non si vuole, come si dovrebbe, ripristinare la pena di morte, per i criminali più efferati e per tamponare tendenze alla violenza ed alla criminalità che, con la garanzia di vedere comunque un termine anche alla più lunga detenzione, potrebbero diventare ancor più numerose e aggressive.
La legittima difesa è il minimo che una stato che non riesce a garantire giustizia deve consentire ai propri cittadini onesti: meglio un criminale abbattuto in più, che un cittadino onesto in meno o depredato delle sue proprietà.

Entra ne

1 commento:

Frank77 ha detto...

Il problema è che l'ergastolo è già di fatto abolito.