Un blog per la certezza della pena, per una pena proporzionale al crimine, ivi inclusa, per gli eventi più feroci, la pena di morte, pena legittimamente comminata da uno Stato civile, a difesa dei cittadini onesti. Perchè lo Stato deve stare dalla parte di Abele.

 
Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

14 gennaio 2006

Gli assassini del Circeo

Il 30 dicembre 2005 è morta Donatella Colasanti.

Era la ragazza sopravvissuta a quella feroce azione di stupro, torture e violenze perpetrate da tre … esseri disumani che rispondevano al nome di Angelo Izzo, Andrea Ghira e Gianni Guido.

L’altra amica, Rosaria Lopez, era morta durante quelle torture.

La Colasanti si era salvata … fingendosi morta.

Ma il suo spirito era morto quel 1° ottobre 1975, come si è potuto vedere dallo sguardo profondo e ancora spaventato e offuscato nelle interviste che hanno preceduto e seguito l’annuncio della morte di uno dei torturatori.

Due di quei delinquenti sono ancora in vita: sono sopravvissuti alle loro vittime.

Per loro c’è ancora la speranza di tornare liberi, in un modo o in un altro.

Angelo Izzo l’aveva avuta la sua libertà: è tornato ad uccidere due donne, come prima.

Ecco un altro caso evidente di come la pena di morte sarebbe stata eseguita con saggia consapevolezza di agire nel pieno della legittimità e quella sanzione avrebbe salvato due vite.

Gli assassini del Circeo non avrebbero meritato di sopravvivere alle loro vittime.

Nessun commento: